• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Collettiva

    Scultura

    Installazioni

    Didattica

    Disegni

    Video

    Bambini

    Conferenza

    Musica

    Archeologia

    Design

    Storia

    Incontri

    Performance

    Architettura

    Pittura

    Multimediale

    Natura

    Laboratori

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Dipinti

    Narrativa

    Arte medievale

    Tim Plamper. Security concluso  

    Tim Plamper. Security

    Dal al a Firenze

    “Gli occhi umani non sopportano né il sole, né il coito, né il cadavere, né l’oscurità, ma con reazioni differenti”
    Georges Bataille, L’anus solaire
    (tr. it. in L’ano solare, a cura di Sergio Finzi, SE, Milano, 1998, p.16).

    La Galleria Eduardo Secci Contemporary è lieta di presentare “Security”, mostra personale dell’artista Tim Plamper, a cura di Domenico de Chirico.
    L’inaugurazione sarà il 23 novembre 2019 dalle ore 18:30.

    L’interdisciplinarità di Tim Plamper è originata da un interessamento verso molti campi della conoscenza: dalla letteratura all’antropologia, dalla filosofia alla sociologia, dalla storia dell’arte all’erotismo e alla trasgressione. Di matrice empirica, teoria secondo cui la mente umana è l’origine di ogni conoscenza poiché riceve le impressioni dal mondo esterno, le organizza e le esprime attraverso il linguaggio, l’esplorazione dell’esperienza fisica e la multiforme nudità, tra cui l’edonistica nuditas naturalis, la caritatevole nuditas temporalis, l’innoncente nuditas virtualis e la lussuriosa nuditas criminalis, ripensata oltre gli abiti simbolici in bilico tra Eros e Thanatos sono caratteristiche peculiari nei lavori più recenti di Tim Plamper.

    Nei virtuosi e meticolosi disegni di Plamper, la nudità, impregnata di “mistero personale” e volta a rivelarne la bellezza, appare come un buco in cui la magnificenza e crudeltà sono indicibilmente avvinghiate l’un l’altra e nella zona d’ombra avviene la celebrazione del rito d’unione tra la vita e la morte. Si tratta di una grotta, di un orifizio lussureggiante, caldo e umido, odorante si di vita che di morte, in cui frenesia estetica e sublimazione della forma sono qui pronte a danzare: l’autoproiezione emotiva e i meccanismi di difesa psicologi decadono. Il tentativo di Tim Plamper è quello di riunire tutti questi tumulti e spaccature in una cornice classica: quella del disegno. I tre disegni di grandi dimensioni previsti per la nuova mostra personale intitolata Security, prendono forma attraverso la fusione di due spazi differenti e reali: una grotta in Grecia e uno scorcio di strada davanti allo studio dell’artista a Berlino. In uno dei disegni Plamper giace nudo tra due ragazze, circondato da uno sciame di api che qui è visibilmente costituito da una mandria di droni e tutt’intorno delle automobili metaforicamente leggibili come la barca di Caronte, in cui “Egli, vegliardo, ma Dio di cruda e verde vecchiaia, spinge la zattera con una pertica e governa le vele e trasporta i corpi sulla barca di colore ferrigno.” Altro elemento fondamentale di questo corollario è il concetto di gravità: quella forza che ci collega al nostro pianeta, dovuta all’attrazione che la terra esercita su tutti i corpi materiali, quella forza che ci permette di cadere verticalmente al suolo e di sprofondare nei nostri desideri più reconditi e nel nostro destino fatto auspicabilmente di amore e devozione. Plamper trova l’emisfero irrazionale decisamente più interessante rispetto alla zona confortevole del suo opposto e pertanto tutto ciò che egli esperisce può certamente essere incorporato nel suo lavoro, dando così vita ad una serie di metafore sempre nuove e in bilico tra l’osceno e il raffinato che in medias res si intrecciano e si confondono secondo la regola delle immagini surrealiste per poi disvelarsi e riunificarsi secondo un ritmo circolare che no ha fine.

    Tim Plamper, nato nel 1982 a Bergisch Gladbach, Germania, vive e lavora a Berlino. Ha studiato Belle Arti alla Stuggart State Academy of Art and Design insieme ad Alexander Roob e poi, dal 2003 al 2009, presso la University of East London con John Smith. Le sue opere sono state esibite sia in Germania sia all’estero. Tra le sue mostre più recenti, ricordiamo: Exit II (Prolog) (2019), Megamelange, Colonia; Reflection is a Wall (2019), Unttld Contepmorary, Vienna; Not dark yet (2018), Kunsthaus Muerz, Muerzzuschlag, Austria; Zone (2017), Suzanne Tarasieve, Parigi; L’œil du collectionneur (2016), Museum of Modern & Contemporary Art, Strasburgo; Atlas (2016), Unttld Contemporary, Vienna; Hausbesetzung (2014), Nassauischer Kunstverein, Wiesbaden. “Gli occhi umani non sopportano né il sole, né il coito, né il cadavere, né l’oscurità, ma con reazioni differenti”
    Georges Bataille, L’anus solaire
    (tr. it. in L’ano solare, a cura di Sergio Finzi, SE, Milano, 1998, p.16).

    La Galleria Eduardo Secci Contemporary è lieta di presentare “Security”, mostra personale dell’artista Tim Plamper, a cura di Domenico de Chirico.
    L’inaugurazione sarà il 23 novembre 2019 dalle ore 18:30.

    L’interdisciplinarità di Tim Plamper è originata da un interessamento verso molti campi della conoscenza: dalla letteratura all’antropologia, dalla filosofia alla sociologia, dalla storia dell’arte all’erotismo e alla trasgressione. Di matrice empirica, teoria secondo cui la mente umana è l’origine di ogni conoscenza poiché riceve le impressioni dal mondo esterno, le organizza e le esprime attraverso il linguaggio, l’esplorazione dell’esperienza fisica e la multiforme nudità, tra cui l’edonistica nuditas naturalis, la caritatevole nuditas temporalis, l’innoncente nuditas virtualis e la lussuriosa nuditas criminalis, ripensata oltre gli abiti simbolici in bilico tra Eros e Thanatos sono caratteristiche peculiari nei lavori più recenti di Tim Plamper.

    Nei virtuosi e meticolosi disegni di Plamper, la nudità, impregnata di “mistero personale” e volta a rivelarne la bellezza, appare come un buco in cui la magnificenza e crudeltà sono indicibilmente avvinghiate l’un l’altra e nella zona d’ombra avviene la celebrazione del rito d’unione tra la vita e la morte. Si tratta di una grotta, di un orifizio lussureggiante, caldo e umido, odorante si di vita che di morte, in cui frenesia estetica e sublimazione della forma sono qui pronte a danzare: l’autoproiezione emotiva e i meccanismi di difesa psicologi decadono. Il tentativo di Tim Plamper è quello di riunire tutti questi tumulti e spaccature in una cornice classica: quella del disegno. I tre disegni di grandi dimensioni previsti per la nuova mostra personale intitolata Security, prendono forma attraverso la fusione di due spazi differenti e reali: una grotta in Grecia e uno scorcio di strada davanti allo studio dell’artista a Berlino. In uno dei disegni Plamper giace nudo tra due ragazze, circondato da uno sciame di api che qui è visibilmente costituito da una mandria di droni e tutt’intorno delle automobili metaforicamente leggibili come la barca di Caronte, in cui “Egli, vegliardo, ma Dio di cruda e verde vecchiaia, spinge la zattera con una pertica e governa le vele e trasporta i corpi sulla barca di colore ferrigno.” Altro elemento fondamentale di questo corollario è il concetto di gravità: quella forza che ci collega al nostro pianeta, dovuta all’attrazione che la terra esercita su tutti i corpi materiali, quella forza che ci permette di cadere verticalmente al suolo e di sprofondare nei nostri desideri più reconditi e nel nostro destino fatto auspicabilmente di amore e devozione. Plamper trova l’emisfero irrazionale decisamente più interessante rispetto alla zona confortevole del suo opposto e pertanto tutto ciò che egli esperisce può certamente essere incorporato nel suo lavoro, dando così vita ad una serie di metafore sempre nuove e in bilico tra l’osceno e il raffinato che in medias res si intrecciano e si confondono secondo la regola delle immagini surrealiste per poi disvelarsi e riunificarsi secondo un ritmo circolare che no ha fine.

    Tim Plamper, nato nel 1982 a Bergisch Gladbach, Germania, vive e lavora a Berlino. Ha studiato Belle Arti alla Stuggart State Academy of Art and Design insieme ad Alexander Roob e poi, dal 2003 al 2009, presso la University of East London con John Smith. Le sue opere sono state esibite sia in Germania sia all’estero. Tra le sue mostre più recenti, ricordiamo: Exit II (Prolog) (2019), Megamelange, Colonia; Reflection is a Wall (2019), Unttld Contepmorary, Vienna; Not dark yet (2018), Kunsthaus Muerz, Muerzzuschlag, Austria; Zone (2017), Suzanne Tarasieve, Parigi; L’œil du collectionneur (2016), Museum of Modern & Contemporary Art, Strasburgo; Atlas (2016), Unttld Contemporary, Vienna; Hausbesetzung (2014), Nassauischer Kunstverein, Wiesbaden.



  • Recensioni su questo evento

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Eduardo Secci Contemporary, Firenze

    Curatore: Domenico de Chirico

    Indirizzo: Piazza Carlo Goldoni, 2, 50123 Firenze FI, Italia

    Telefono: 055 661356

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!