• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    Seth. Chambrum Rangeam in corso  

    Seth. Chambrum Rangeam

    Dal al a Roma

    La Dorothy Circus Gallery è orgogliosa di introdurre il nuovo programma di doppie personali a Roma e Londra, a partire da questo novembre con l'inaugurazione di 'Chambrum Rangeam', la prima sbalorditiva doppia mostra personale dello street artist SETH presso la DCG.
     
    Con questa nuova esposizione dal carattere unico, curata per noi da Stefano Antonelli, celebriamo insieme al nostro pubblico internazionale l’esperienza del surreale e la ritrovata libertà d'immaginazione, codici visivi e concettuali che da sempre distinguono la linea curatoriale della DCG. Rafforzando nuovamente il legame tra le due sedi della DCG, invitiamo i nostri spettatori in un viaggio da Roma a Londra e viceversa, alla scoperta del dinamico diario d’Artista  di SETH e del poetico dialogo che si legge tra le righe dei suoi racconti su tela. Ed in questa occasione inaugureremo inoltre la grande apertura della sede permanente Londinese in Marble Arch. 
     
    Julien Malland, alias S.E.T.H., è uno dei più amati e rinomati street artist della nostra epoca contemporanea. Nato a Parigi, Julien Malland ha studiato presso l'Ecole Nationale Supérieure des Arts Décoratifs di Parigi (ENSAD) e, nel 1972, ha iniziato a dipingere murales nel 20esimo arrondissement di Parigi sotto il nome di Seth. Si è fatto conoscere tra gli artisti di graffiti parigini creando personaggi che si distaccavano dall’iconografia classica della Urban Art francese. 
     
    L'arte di SETH si rende strumento per l'incontro di popoli e culture provenienti da tutto il mondo, con il fine di ampliare l'orizzonte sulla vita e sulla urban art non solo dell'artista, ma anche del pubblico. Non a caso l'artista si impegna non soltanto nella creazione di murales, ma anche in quella di film e libri. Seth ha infatti diretto diversi documentari, tra cui ‘Graffiti Argentina’ nel 2014, ‘Khmers et Sprays’ nel 2013, e ‘Les Nouveaux Explorateurs’, una serie TV prodotta da Canal+. L'artista ha anche pubblicato, nel 2012, il libro 'Extramuros', che racconta i viaggi di Seth in giro per il mondo.
     
    S.E.T.H. disegna personaggi semplici, per lo più bambini, che albergano in ambienti immaginari che, come il trompe loeil di un dipinto, appartengono alla nostra realtà aprendosi contemporaneamente ad una nuova dimensione visionaria. 
    I bambini di Seth fluttuano in uno spazio senza tempo, dove tutto è eterno e contemporaneo allo stesso tempo. Andando oltre il codice di graffiti più “facile” e popolare, fatto di teschi e icone furiose, Seth celebra l’innocenza e la semplicità dipingendo composizioni estremamente colorate e ordinate dove lo spettatore può lasciarsi andare liberamente. 
     
    Come dichiara Stefano Antonelli, i bambini di SETH "siamo noi, è l’innocenza perduta nella disillusione del nostro tempo, è la Ricerca del Tempo Perduto di Marcel Proust, è la poetica del Fanciullino di Giovanni Pascoli, è il presidio alla fondamentale memoria della nostra innocenza ai tempi di internet e della globalizzazione.” Questi bambini sono “sospesi tra la vita e l’illusione che abbiamo imparato a conoscere, protagonisti di un linguaggio unico e universale che questo artista ha saputo creare e che ha conquistato il mondo attraverso le centinaia di migliaia di condivisioni sui social network, unico vero spazio espositivo della street art.”
     
    E infatti i personaggi di SETH impersonano la cultura ibrida del tempo presente, dove la contemporaneità e la tradizione si incontrano e si intrecciano, dando vita ad un dialogo artistico e sociale non solo nelle strade, ma anche sui social media e sulle mura delle gallerie. 
     
    Il titolo della mostra, 'Chambrum Rangeam', significa “metti in ordine la tua camera”: parole che ognuno di noi ha sentito pronunciare da sua madre quando era piccolo, troppo piccolo per interessarsene, troppo perso in un universo parallelo di immagini, colori, e pensieri svolazzanti spesso troppo profondi da poter descrivere a parole. Quello stesso universo si riaffaccia davanti a noi grazie al lavoro dell'artista francese che, tra linee, tinte, e figure, ci aiuta a ricordare gli stessi sogni che immaginavamo nelle nostre camerette. 
     
    Ogni immagine rinnova l'invito di SETH e della Galleria e navigare, tramite le meravigliose opere esposte, attraverso i ricordi di un tempo perduto dove possiamo ancora ritrovare il nostro bambino interiore. La chambre dove incontriamo l'artista è la stessa stanza dove possiamo trovare le nostre fantasie perduta, le emozioni più pure, la polvere di fata che ci aiuta a volare.
     
    “Le rappresentazioni di SETH sono precise, puntuali e pazienti. Immagine dopo immagine l’artista ha dato forma e sostanza ad un immaginario che non sapevamo di avere, ma che probabilmente era lì da sempre, ci serviva solo il talento giusto per svelarlo.”
    (Stefano Antonelli)

    La Dorothy Circus Gallery è orgogliosa di introdurre il nuovo programma di doppie personali a Roma e Londra, a partire da questo novembre con l'inaugurazione di 'Chambrum Rangeam', la prima sbalorditiva doppia mostra personale dello street artist SETH presso la DCG.
     
    Con questa nuova esposizione dal carattere unico, curata per noi da Stefano Antonelli, celebriamo insieme al nostro pubblico internazionale l’esperienza del surreale e la ritrovata libertà d'immaginazione, codici visivi e concettuali che da sempre distinguono la linea curatoriale della DCG. Rafforzando nuovamente il legame tra le due sedi della DCG, invitiamo i nostri spettatori in un viaggio da Roma a Londra e viceversa, alla scoperta del dinamico diario d’Artista  di SETH e del poetico dialogo che si legge tra le righe dei suoi racconti su tela. Ed in questa occasione inaugureremo inoltre la grande apertura della sede permanente Londinese in Marble Arch. 
     
    Julien Malland, alias S.E.T.H., è uno dei più amati e rinomati street artist della nostra epoca contemporanea. Nato a Parigi, Julien Malland ha studiato presso l'Ecole Nationale Supérieure des Arts Décoratifs di Parigi (ENSAD) e, nel 1972, ha iniziato a dipingere murales nel 20esimo arrondissement di Parigi sotto il nome di Seth. Si è fatto conoscere tra gli artisti di graffiti parigini creando personaggi che si distaccavano dall’iconografia classica della Urban Art francese. 
     
    L'arte di SETH si rende strumento per l'incontro di popoli e culture provenienti da tutto il mondo, con il fine di ampliare l'orizzonte sulla vita e sulla urban art non solo dell'artista, ma anche del pubblico. Non a caso l'artista si impegna non soltanto nella creazione di murales, ma anche in quella di film e libri. Seth ha infatti diretto diversi documentari, tra cui ‘Graffiti Argentina’ nel 2014, ‘Khmers et Sprays’ nel 2013, e ‘Les Nouveaux Explorateurs’, una serie TV prodotta da Canal+. L'artista ha anche pubblicato, nel 2012, il libro 'Extramuros', che racconta i viaggi di Seth in giro per il mondo.
     
    S.E.T.H. disegna personaggi semplici, per lo più bambini, che albergano in ambienti immaginari che, come il trompe loeil di un dipinto, appartengono alla nostra realtà aprendosi contemporaneamente ad una nuova dimensione visionaria. 
    I bambini di Seth fluttuano in uno spazio senza tempo, dove tutto è eterno e contemporaneo allo stesso tempo. Andando oltre il codice di graffiti più “facile” e popolare, fatto di teschi e icone furiose, Seth celebra l’innocenza e la semplicità dipingendo composizioni estremamente colorate e ordinate dove lo spettatore può lasciarsi andare liberamente. 
     
    Come dichiara Stefano Antonelli, i bambini di SETH "siamo noi, è l’innocenza perduta nella disillusione del nostro tempo, è la Ricerca del Tempo Perduto di Marcel Proust, è la poetica del Fanciullino di Giovanni Pascoli, è il presidio alla fondamentale memoria della nostra innocenza ai tempi di internet e della globalizzazione.” Questi bambini sono “sospesi tra la vita e l’illusione che abbiamo imparato a conoscere, protagonisti di un linguaggio unico e universale che questo artista ha saputo creare e che ha conquistato il mondo attraverso le centinaia di migliaia di condivisioni sui social network, unico vero spazio espositivo della street art.”
     
    E infatti i personaggi di SETH impersonano la cultura ibrida del tempo presente, dove la contemporaneità e la tradizione si incontrano e si intrecciano, dando vita ad un dialogo artistico e sociale non solo nelle strade, ma anche sui social media e sulle mura delle gallerie. 
     
    Il titolo della mostra, 'Chambrum Rangeam', significa “metti in ordine la tua camera”: parole che ognuno di noi ha sentito pronunciare da sua madre quando era piccolo, troppo piccolo per interessarsene, troppo perso in un universo parallelo di immagini, colori, e pensieri svolazzanti spesso troppo profondi da poter descrivere a parole. Quello stesso universo si riaffaccia davanti a noi grazie al lavoro dell'artista francese che, tra linee, tinte, e figure, ci aiuta a ricordare gli stessi sogni che immaginavamo nelle nostre camerette. 
     
    Ogni immagine rinnova l'invito di SETH e della Galleria e navigare, tramite le meravigliose opere esposte, attraverso i ricordi di un tempo perduto dove possiamo ancora ritrovare il nostro bambino interiore. La chambre dove incontriamo l'artista è la stessa stanza dove possiamo trovare le nostre fantasie perduta, le emozioni più pure, la polvere di fata che ci aiuta a volare.
     
    “Le rappresentazioni di SETH sono precise, puntuali e pazienti. Immagine dopo immagine l’artista ha dato forma e sostanza ad un immaginario che non sapevamo di avere, ma che probabilmente era lì da sempre, ci serviva solo il talento giusto per svelarlo.”
    (Stefano Antonelli)





  • Recensioni su questo evento

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Dorothy Circus Gallery, Roma

    Curatore: Stefano Antonelli

    Indirizzo: Via dei Pettinari, 76, 00186 Roma RM

  • Prezzo

    GRATUITA

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!