• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    Testimonianze. Composizioni materiche e oggettuali dagli anni '60 ad oggi concluso  

    Testimonianze. Composizioni materiche e oggettuali dagli anni '60 ad oggi

    Dal al a Reggio nell'Emilia

    La Galleria d'Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia presenta, dal 13 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019, le "Testimonianze" di dodici artisti italiani ed internazionali che, attraverso composizioni materiche ed oggettuali, hanno segnato la storia dell'arte dagli anni '60 ad oggi.

    In mostra, quattro tappeti-natura di Piero Gilardi che riproducono, in maniera realistica e meticolosa, frammenti di ambienti naturali sia a scopo ludico che di denuncia verso uno stile di vita che, con il passare del tempo, diventa sempre più artificiale e distruttivo. Opere in cui etica ed estetica s'incontrano. Sfruttando le potenzialità espressive di materiali industriali come il poliuretano espanso e i pigmenti sintetici, i suoi tappeti-natura si propongono come "rappresentazione nella rappresentazione" e tentativo di armonizzazione tra interno ed esterno, soggettivo ed oggettivo, naturale ed artificiale. 

    Il percorso espositivo continua con una scultura di Herbet Hamak dalla tipica forma geometrica, il cui colore è ottenuto attraverso la fusione di resine liquide e pigmenti che, solidificandosi, acquistano un aspetto a volte lattiginoso, opaco, dando vita a superfici lisce, dai colori profondi con tonalità inusuali.

    A queste ricerche, si aggiunge un'opera di Marco Gastini dei primi anni '80, periodo in cui il linguaggio dell'artista torinese si apre a una trasformazione radicale, rivelando un'inattesa apertura al colore e alla ricerca sui materiali. Tipica, nelle opere di quegli anni, la presenza di forme e oggetti di varia natura, che fuoriuscendo dai limiti della superficie, assumono inusuali valenze pittoriche.

    Infine un'opera di Giulio Turcato degli anni '70 dalla gestualità rarefatta ed onirica, realizzata con sabbie colorate: in base al punto in cui la si guarda e all'illuminazione che riceve cambia sfumature. Un linguaggio molto fluido, con linee sinuose ed un particolare risalto dato al colore ed alla sua differente percezione.  

    In esposizione anche opere di Carla Accardi, Valerio Adami, Gianfranco Ferroni, Giorgio Griffa, Elio Marchegiani, Paola Pezzi, Piero Ruggeri, Graham Sutherland.

    La collettiva sarà visitabile fino al 13 gennaio 2019, tutti i giorni con orario 10-12,30 e 16-19,30, aperto anche domenica e festivi.  La Galleria d'Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia presenta, dal 13 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019, le "Testimonianze" di dodici artisti italiani ed internazionali che, attraverso composizioni materiche ed oggettuali, hanno segnato la storia dell'arte dagli anni '60 ad oggi.

    In mostra, quattro tappeti-natura di Piero Gilardi che riproducono, in maniera realistica e meticolosa, frammenti di ambienti naturali sia a scopo ludico che di denuncia verso uno stile di vita che, con il passare del tempo, diventa sempre più artificiale e distruttivo. Opere in cui etica ed estetica s'incontrano. Sfruttando le potenzialità espressive di materiali industriali come il poliuretano espanso e i pigmenti sintetici, i suoi tappeti-natura si propongono come "rappresentazione nella rappresentazione" e tentativo di armonizzazione tra interno ed esterno, soggettivo ed oggettivo, naturale ed artificiale. 

    Il percorso espositivo continua con una scultura di Herbet Hamak dalla tipica forma geometrica, il cui colore è ottenuto attraverso la fusione di resine liquide e pigmenti che, solidificandosi, acquistano un aspetto a volte lattiginoso, opaco, dando vita a superfici lisce, dai colori profondi con tonalità inusuali.

    A queste ricerche, si aggiunge un'opera di Marco Gastini dei primi anni '80, periodo in cui il linguaggio dell'artista torinese si apre a una trasformazione radicale, rivelando un'inattesa apertura al colore e alla ricerca sui materiali. Tipica, nelle opere di quegli anni, la presenza di forme e oggetti di varia natura, che fuoriuscendo dai limiti della superficie, assumono inusuali valenze pittoriche.

    Infine un'opera di Giulio Turcato degli anni '70 dalla gestualità rarefatta ed onirica, realizzata con sabbie colorate: in base al punto in cui la si guarda e all'illuminazione che riceve cambia sfumature. Un linguaggio molto fluido, con linee sinuose ed un particolare risalto dato al colore ed alla sua differente percezione.  

    In esposizione anche opere di Carla Accardi, Valerio Adami, Gianfranco Ferroni, Giorgio Griffa, Elio Marchegiani, Paola Pezzi, Piero Ruggeri, Graham Sutherland.

    La collettiva sarà visitabile fino al 13 gennaio 2019, tutti i giorni con orario 10-12,30 e 16-19,30, aperto anche domenica e festivi. 



  • Recensioni su questo evento

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Galleria d'Arte 2000 & NOVECENTO, Reggio nell'Emilia

    Indirizzo: F, Via Sessi, 1, 42100 Reggio Emilia RE, Italia

  • Prezzo

    GRATUITA

    Telefono: 0522 580143

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!