• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    SACER ESTO - Mostra dell’opera Reeducation di Mircea Ciutu concluso  

    SACER ESTO - Mostra dell’opera Reeducation di Mircea Ciutu

    Dal al a Roma

    Con la formula solenne “Sacer esto”, contenuta nelle XII Tavole - prima fonte scritta del diritto romano – veniva comminata, nella Roma Arcaica, la gravissima sanzione della sacertà. Ne veniva colpito colui che si rendeva responsabile di aver turbato la pax deorum, ossia l’armonia che sempre doveva connotare i rapporti fra gli uomini e fra essi e gli dei. Le azioni che ne comportavano l’irrogazione erano, in genere, quelle percepite come maggiormente offensive per l’ordine prestabilito. Tuttavia, esisteva anche una sacertà di fatto che connotava lo straniero o comunque il diverso. L’homo sacer, ritenuto impuro, non era titolare di alcun diritto nonché indegno di qualsiasi dovere, era uccidibile ma non sacrificabile; chiunque
    uccidendolo rimaneva impunito. La condizione di sacertà, per le sue peculiarità, ha impegnato, a lungo, anche il pensiero filosofico che si è spesso interrogato sui limiti e sulle trappole che legano il diritto alla vita e, sulla scorta dei saggi di M. Foucault e W. Benjamin, il filosofo contemporaneo Giorgio Agamben le ha intitolato
    una sua recente opera (Homo sacer, Bompiani, 2005). L’homo sacer, titolare di sola nuda vita ed escluso dalla vita politica – contrapposizione fin da Aristotele fra zoè e bios - configura, secondo Agamben, il paradigma biopolitico originario attraverso il quale la vita umana è stata catturata dal diritto sotto forma di eccezione e il diritto, o per meglio dire chi il diritto pone, mostra tutta la sua straordinaria potenza nella possibilità di decretare l’eccezione sulla vita umana. Proprio per questo,
    afferma ancora il filosofo, questa condizione appartiene non solo alla Roma Arcaica, bensì a tutti i tempi, ed esempi nella storia contemporanea, ne sarebbero i campi di sterminio nazisti.
    L’opera Reeducation di Mircea Ciutu evoca, con immediatezza, questi pensieri; l’artista, in una tela di dimensioni possenti, le cui paste alte concorrono a dare spessore e autenticità al sentire dei giovani smarriti e straniati che vi sono rappresentati, mostra i campi di rieducazione in cui, durante il regime di Ceausescu, venivano rinchiusi i dissidenti e i non allineati.
    L’artista, nato nel 1989 a ridosso della fine della dittatura, porta in sé una prospettiva molto ravvicinata degli eventi tragici e dei dolori subiti dalla propria terra e dal proprio popolo. E’ una visione la sua non elaborata dal tempo, non ancora inserita nella storia e proprio per questo particolarmente vivida e di subitanea percezione. La condizione degli occupanti i campi di rieducazione, come i campi di sterminio e comunque i campi di prigionia di ogni guerra e ogni tirannide, è del tutto sovrapponibile a quella dell’homo sacer: Uomini, non persone, in un limbo che precede la morte ma che non è più vita; sottoposti all’arbitrio di chi detiene il potere e stabilisce che la loro esistenza non è meritevole di alcuna tutela (l’eccezione appunto).



    Tags

  • Arte Contemporanea
  • Gratuita

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Collezione Umberto Boccioni

    Galleria Nazionale Palazzo Arnone a Cosenza

    Giovedì 10 luglio 2014, ore 18, a Cosenza, Palazzo Arnone, la Soprintendenza…

    in corso

    Artisti sotto il Duomo. Golsa Golchini

    Banca Generali Private a Milano

    Banca Generali Private e i suoi consulenti milanesi presentano una nuova…

    in corso

    A.E.I.O.U. Da Klimt a Hausner a Wurm. L’arte austriaca…

    Art Forum Würth Capena a Capena

    Inaugura all’Art Forum Würth Capena, uno dei 15 spazi espositivi del…

    in corso

    Elisabetta Di Maggio. Greetings from Venice

    Event Pavilion - T Fondaco dei Tedeschi a Venezia

    Dal 6 aprile l’Event Pavilion di T Fondaco dei Tedeschi presenta Greetings…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Atelier Montez, Roma

    Indirizzo: Via di Pietralata, 147/A - 00158 Roma

  • Prezzo

    GRATUITA

    Telefono: 0683799444

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!