• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Collettiva

    Scultura

    Installazioni

    Didattica

    Disegni

    Video

    Bambini

    Conferenza

    Archeologia

    Musica

    Design

    Incontri

    Architettura

    Storia

    Performance

    Pittura

    Multimediale

    Natura

    Cinema

    Laboratori

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Dipinti

    Narrativa

    Arte medievale

    Canaletto 1697-1768 in corso  

    Canaletto 1697-1768

    Dal al a Roma

    In occasione del 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano, viene presentato il più grande nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia: 42 dipinti, inclusi alcuni celebri capolavori, 9 disegni e 16 libri e documenti d’archivio.
    Il percorso di Giovanni Antonio Canal, noto come Canaletto, affascina e coinvolge.
    Definirlo il più grande interprete del vedutismo settecentesco sarebbe riduttivo. Nella sua osservazione del reale, nel suo studio della luce, fra acqua e cielo, c’è tutto il secolo dei lumi, con la rottura radicale rispetto al lungo tormento, fatto di scuro, di pessimismo, di una religiosità tragica, che dopo la Controriforma aveva segnato larga parte della pittura.
    Dalla giovinezza tra Venezia e Roma come uomo di teatro e impetuoso pittore di rovine romane, al suo ritorno da Roma come stella nascente sulla scena delle vedute veneziane. Prosegue poi arrivando al successo internazionale, con le commissioni degli ambasciatori stranieri per le ampie tele che rappresentano le feste della Serenissima in loro onore e, l’entusiasmo dei turisti inglesi del Grand Tour, che acquistavano le sue vedute come souvenir.
    Le opere in mostra provengono da alcuni tra i più importanti musei del mondo, tra cui il Museo Pushkin di Mosca, il Jacquemart-André di Parigi, il Museo delle Belle Arti di Budapest, la National Gallery di Londra e il Kunsthistorisches Museum di Vienna.
    Accanto ai dipinti sono esposti 9 disegni, dai piccoli studi preparatori ai magnifici fogli di ampie dimensioni accuratamente rifiniti e destinati ai più raffinati collezionisti o a essere incisi. La scelta è intesa a illustrare la genesi delle creazioni dell’artista, svelando il lavoro “dietro le quinte”, la sua capacità di catturare la realtà e di trasformarla con la fantasia, facendo così dissolvere l’immagine stereotipata di “Canaletto fotografo”.
    Viene presentata la sua intera parabola come pittore e disegnatore per definirne le diverse fasi tecniche e stilistiche: dalla maniera libera e drammatica delle prime opere, alle immagini più affascinanti di Venezia e a quelle eleganti del soggiorno di nove anni in Inghilterra, fino ai tardi, sofisticati capricci.



    Tags

  • Arte Moderna

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Mecenati di ieri e di oggi. Restauri e restituzioni…

    Genova Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco a Genova

    La mostra presenta al pubblico una serie di dipinti dei Musei di Strada…

    in corso

    Pasini e l'Oriente. Luci e colori di terre lontane

    Fondazione Magnani-Rocca a Parma

    Oriente di fascino e mistero, di paesaggi sconfinati e odalische, di suggestive…

    in corso

    Tranquillo Cremona. Ritorno a Milano

    Gallerie Maspes a Milano

    Dal 16 marzo al 31 maggio 2018 alle Gallerie Maspes di Milano una…

    in corso

    Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi

    Complesso del Vittoriano a Roma

    L’esposizione, curata da Marianne Mathieu, presenta circa sessanta opere…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Palazzo Braschi, Roma

    Indirizzo: Piazza di S. Pantaleo, 10, 00186 Roma RM

  • Prezzo

    Intero 11€

    Ridotto 9€

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!