• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio concluso  

    L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio

    Dal al a Forlì

    Tra il Rinascimento e il Barocco. La grande mostra al San Domenico di Forlì
    del 2018 mette in scena per la prima volta in maniera compiuta e in un nuovo percorso espositivo il fascino di un secolo compreso tra un superbo
    tramonto, l’ultimo Rinascimento, e un nuovo luministico orizzonte, l’età barocca.
    Il periodo che intercorre tra il compimento del Giudizio Universale di Michelangelo nella Cappella Sistina (1541) e la breve affermazione a Roma di Michelangelo Merisi da Caravaggio è per la storia dell’arte uno dei più avvincenti e stimolanti.
    La pittura della Maniera aveva messo in campo le ragioni di un’“arte per l’arte”, in cui a prevalere erano il capriccio e la “licenza”, ovvero una sorta di trasgressione che stesse dentro alla regola: un’arte colta, rivolta a una ristretta élite in grado di compiacersi del gioco di sottili rimandi ai grandi modelli di Raffaello e di Michelangelo, sentiti come insuperabili.
    A mettere in crisi questo modo di intendere l’arte era stata la polemica dei riformatori protestanti che, contro il lusso della corte pontificia, si richiamavano al rigore della Chiesa delle origini. Ma, ancora prima che il Concilio di Trento teorizzasse il valore didattico delle immagini – “da venerare secondo ciò che rappresentano”, sventando così il rischio iconoclasta – gli artisti avevano autonomamente elaborato una nuova figurazione in cui le esigenze del racconto prevalessero sullo sfoggio di un virtuosismo fine a sé stesso.

    Nella stessa Roma si erano per tempo avvertiti segnali di ritorno a una nuova concentrazione sul tema del sacro. La vicenda umana e artistica di Michelangelo appare sintomatica se proprio la sua aspirazione a una figurazione rigorosa e spogliata di ogni orpello aveva finito per attrarre su di sé gli strali di quanti vedevano nell’essenzialità del nudo un’offesa al decoro. La sua meditazione, compresa da pochi, aveva così offerto il destro alle polemiche

    più feroci, caratterizzando la malinconica ricerca spirituale dei suoi ultimi anni.
    Già prima della metà del secolo Roma si propone come centro di elaborazione di nuovi percorsi, di cui la mostra evidenzia la ricca eterogeneità. Paolo III Farnese, che nel 1545 indice il Concilio di Trento, è a capo di una vera e propria corte alla stregua di quelle europee. Per lui lavorano artisti come El Greco e Giovanni de’ Vecchi, promotori di una ventata neo-mistica, e architetti come Antonio da Sangallo il Giovane e il Vignola, che mutuando
    linguaggi dallo studio dell’antico elaborano una nuova concezione spaziale.
    Il fervore costruttivo alimenta la richiesta di nuove opere sacre, concepite in ordine a una nuova leggibilità e a un diffuso sentimento di pietà. E mentre artisti come Girolamo Muziano e Federico Zuccari sapranno farsi interpreti di una narrazione didascalica, nella quale la pittura torna a farsi “libro illustrato” per gli illetterati, sarà Federico Barocci a coniugare, grazie alla riscoperta di Correggio, fervore religioso e sentimentalità prebarocca.

    Parallelamente lo scrupolo di attenersi al “vero”, al “verosimile” finisce per sviluppare una ripresa dell’autonomia degli studi storici e di quelli naturalistici. La ricerca scientifica e l’osservazione della natura di studiosi come Aldrovandi e Ligozzi forniscono l’ordito al nuovo, incipiente naturalismo.
    Bologna, seconda capitale dello Stato della Chiesa, sul finire del secolo vede fiorire di nuovi sensi terreni la pittura dei Carracci (Ludovico, Annibale e Agostino) alla quale fa da contraltare a Roma l’arte “senza tempo” di Pulzone e Valeriano. Dalla Lombardia discende Caravaggio. Egli descrive nella sua luce che contorna l’ombra e che trascorre dagli uomini alle cose, un nuovo, disperato rigore. La sua vocazione pauperista si confronta, tra la fine del vecchio e l’aprirsi del nuovo secolo, con il classicismo patetico di Annibale Carracci e il dinamismo barocco di Rubens.
    Dall’ultimo Michelangelo a Caravaggio, l’esposizione forlivese tesse un filo estetico di rimandi unici che illustra la nascita dell’età moderna. Un percorso unico che mostra capolavori di Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, i Carracci, Barocci, Veronese, Tiziano, Zuccari, Reni e Rubens.
    Tra i due Michelangelo si snoda un percorso culturale innovativo, alla ricerca di un rispecchiamento tra i valori eterni e quelli storici. E se nel primo si dissolve ogni idea o ideale di compiutezza umana e terrena; nel secondo, una umanità intrisa di peccato, scalza e sporca bussa alle porte del cielo.

    Direzione generale
    Gianfranco Brunelli

    Mostra a cura di
    Antonio Paolucci
    Andrea Bacchi
    Daniele Benati
    Paola Refice
    Ulisse Tramonti

    Progetto di allestimento a cura di
    Studio Lucchi e Biserni, Forlì
    Wilmotte et Associés, Parigi

    Mostra in collaborazione con
    • Polo Museale Emilia Romagna Pinacoteca Nazionale, Bologna
    • Musei Vaticani, Città del Vaticano
    • Gallerie degli Uffizi, Firenze
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte, Napoli
    • FEC - Fondo Edifici di Culto, Roma



    Guarda il video

    Tags

  • Arte Moderna

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Guercino. Il Presepe della Galleria Corsini: presentazione…

    Galleria Nazionale di Palazzo Corsini a Roma

    La Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico…

    in corso

    Sala dei paesaggi nella Galleria dell'Accademia Nazionale…

    Accademia Nazionale di San Luca a Roma

    Venerdì 8 novembre, alle ore 12.00, viene aperta al pubblico la Sala…

    in corso

    La Pinacoteca si rinnova: Mantegna e Bellini visti…

    Pinacoteca di Brera a Milano

    La Pinacoteca di Brera si prepara al nuovo scenografico allestimento di…

    in corso

    Defendente Ferrari. L'incoronazione della vergine

    Palazzo Madama a Torino

    Palazzo Madama presenta al pubblico una grande tavola inedita di uno dei…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Musei di San Domenico, Forlì

    Curatore: Antonio Paolucci, Andrea Bacchi, Daniele Benati, Paola Refice, Ulisse Tramonti

    Indirizzo: Piazza Guido da Montefeltro, 12, 47121 Forlì FC, Italia

  • Prezzo

    Intero € 12,00

    Ridotto € 10,00
    Per gruppi superiori alle 15 unità, minori di 18 e maggiori di 65 anni, titolari di apposite convenzioni, studenti universitari con tesserino, visitatori con biglietto della mostra I Carracci tra natura e storia di Bologna.

    Speciale € 5,00
    per scolaresche delle scuole primarie e secondarie, bambini dai 6 ai 14 anni.

    Biglietto speciale aperto € 13,00
    Visiti la mostra quando vuoi, senza date e senza fasce orarie; puoi regalarlo a chi desideri.

    Biglietto speciale famiglia € 25,00
    valido per l’ingresso di due adulti e 2 minori (fino ai 14 anni).

    Gratuito
    per bambini fino ai 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo, diversamente abili con accompagnatore, due accompagnatori per scolaresca, giornalisti con tesserino, guide turistiche con tesserino.

    Il biglietto comprende
    le radioguide (obbligatorie per i gruppi)
    e le audioguide (disponibili anche in inglese; versione speciale per bambini)


    Telefono: 199.15.11.34. Riservato gruppi e scuole 0543.316217

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!