• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    INAUGURAZIONE mostra personale GIOVANNI TERMINI concluso  

    INAUGURAZIONE mostra personale GIOVANNI TERMINI

    Il a Bologna

    sabato 21 aprile 2018, ore 19.00

    OTTO Gallery presenta (Criteri generali per la) messa in sicurezza, una mostra personale di Giovanni Termini a cura di Simone Ciglia.

    A dieci anni dall’ultima personale in galleria, l’artista presenta un nuovo progetto concepito per gli spazi di via D’Azeglio. La mostra raccoglie una serie inedita di opere recenti nate da una riflessione sul nostro tempo, seguendo una traiettoria che attraversa le nozioni di paura, pericolo e limite. I lavori proseguono la ricerca dell’autore, fermamente radicata nel medium scultoreo.

    La mostra si apre con un dittico di lavori compresi sotto lo stesso titolo – Rasenta una distanza – e accomunati da materiali e procedimenti affini. Una scala fissata su un pannello produce, attraverso un movimento circolare, un segno grigio determinato dal cemento a presa rapida (nel primo episodio, la traccia s’imprime su un fondo grigio; nel secondo, il colore del pannello è giallo). Questa processualità è solamente allusa dal meccanismo di decostruzione con cui sono assemblati i pezzi, che trovano una ricomposizione nella mente dello spettatore. Quasi un tentativo di pittura da parte di uno scultore, le opere testimoniano la poetica di Termini fondata sull’impiego di materiali ordinari – spesso provenienti dal mondo del lavoro – spogliati della loro funzionalità a rivelare una dimensione poetica.

    La sala centrale della galleria ospita Limite in sicurezza, un’installazione ambientale che reagisce a un’immagine vista dall’autore a Caracas lo scorso anno, in un periodo di grande turbolenza sociale. Nelle manifestazioni che quasi quotidianamente percorrevano le vie della capitale, i tombini venivano estratti dalla sede stradale e utilizzati come scudo. Al termine delle dimostrazioni, le buche che restavano aperte erano riempite con vari materiali per segnalare il pericolo. Spogliata dell’eroismo urbano, questa immagine dà vita a un’installazione che genera una situazione teatrale. Lo spettatore è invitato a percorrere il palco che sopraeleva il piano della galleria, sperimentando una condizione di pericolo determinata dalla praticabilità: come a Caracas, l’interno del tombino è infatti ingombrato dei parapetti normalmente usati per la sicurezza, sottolineando l’ambiguità di questa nozione ed esponendone il limite.

    L’ultima opera che conclude il percorso della mostra, Ipotesi, è una scultura che rielabora un oggetto piuttosto comune, una sedia a sdraio da spiaggia. Manipolata fino ad assumere una forma inedita, che tuttavia conserva i materiali e il colore di partenza, la sdraio si trasforma in una scultura. L’opera esprime la vena ludica che anima il lavoro di Termini, insieme alla sua prodezza plastica (il titolo evidenzia come si tratti solo di una delle molteplici possibilità combinatorie). Esempio di design anonimo, la sdraio racconta ironicamente un certo aspetto della cultura italiana.


    Giovanni Termini è nato nel 1972 ad Assoro (EN). Vive e lavora a Pesaro. Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha esposto recentemente in Svizzera (Torre Blenio, 2018), Venezuela (Sala Tac, La Caja, Caracas, 2017), Cina (Museo di Lan Wan, Qingdao, 2017). Ha inoltre partecipato a importanti esposizioni a livello nazionale, tra cui Au Rendez-Vous des Amis, a cura di Bruno Corà, Città di Castello (2015); Disarmata, a cura di Ludovico Pratesi, Fondazione Pescheria, Pesaro (2013); XV Quadriennale di Roma (2008) e premi come I Premio Internazionale Giovani Scultori (Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano, 2006).




    Tags

  • Arte Contemporanea
  • Inaugurazione

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Collezione Paolo VI - arte contemporanea

    Collezione Paolo VI a Brescia

    La “Collezione Paolo VI - arte contemporanea”, già inaugurata in…

    in corso

    Jannis Kounellis in Statale

    Università Statale di Milano a Milano

    La Fondazione Arnaldo Pomodoro e l’Università degli Studi di Milano…

    in corso

    Bosco magico. Gli alberi sciamanici di Paolo Martellotti

    Casina delle Civette a Roma

    L'idea di realizzare la mostra presso la Casina delle Civette (giardino),…

    in corso

    Manifesta 12 Palermo

    Sedi varie a Palermo

    Manifesta, la Biennale nomade europea, nasce nei primi anni ’90 in risposta…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: OTTO Gallery, Bologna

    Curatore: Simone Ciglia

    Indirizzo: Via D'Azeglio, 55, 40123 Bologna BO, Italia

    Telefono: 051 644 9845

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!