• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    Manon Wertenbroek e Shirana Shahbazi. Capovolto concluso  

    Manon Wertenbroek e Shirana Shahbazi. Capovolto

    Dal al a Milano

    L’Istituto Svizzero presenta “Capovolto”, una doppia personale delle artiste svizzere Manon Wertenbroek (Parigi) e Shirana Shahbazi (Zurigo)  

    La mostra gioca con la natura allusiva del titolo, suggerito da Wertenbroek, utilizzandolo come linea guida. La percezione dello spazio è appunto capovolta, mettendo perciò in crisi i punti di riferimento all’interno dell’architettura dell’Istituto Svizzero, come lo conosciamo. Le due artiste creano un ambiente immersivo, nel quale la presenza del colore è preponderante. Sui lati opposti della galleria vivono due pitture murali di Shirana Shahbazi, mentre quattro specchi incisi di Manon Wertenbroek creano dei riflessi che, producendo un costante movimento, tendono a disorientare lo spettatore: l’aspetto dell’opera è in continuo mutamento. Entrambe le artiste investigano e giocano con le restrizioni tecniche della fotografia, cercando nuovi modi per il suo uso.  

    I lavori di Wertenbroek, Courtly Love, Amaryllis, Mixed Feelings Melody e Dewdrops (tutti 2018), sono stati creati attraverso processi reiterati di incisione e di stampa parziale su uno specchio in PVC. Questi lavori, sui quali l'artista è nuovamente intervenuta con della vernice serigrafica, accentuano la consistenza e la profondità, distanziandosi dalle loro origini fotografiche. Il riflesso dello specchio ci mostra ciò che è reale e al tempo stesso decostruito, creando nuove possibilità visive.  

    Insieme alle pitture murali di Shahbazi, due stampe cromogeniche sono appese al muro dello spazio: Raum Rot (2017) e Raum Blau (2017). Le immagini e le superfici colorate oscillano tra lo strato superficiale e la profondità, facendo emergere nuovi spazi concettuali.  

    La mostra è collegata al programma di Pro Helvetia Promotion de la relève en arts visuels, attraverso il quale le due artiste hanno avuto l’opportunità di incontrarsi e collaborare. 

    - Georgia Stellin

    Shirana Shahbazi 
    Shirana Shahbazi è nata a Tehran nel 1974. Ha studiato fotografia alla Fachhochschule Dortmund in Germania e alla Hochschule für Gestaltung und Kunst a Zurigo. Shahbazi vive e lavora a Zurigo. Recenti personali includono: Kunsthaus Hamburg (2018), Fotogalleriet, Oslo (2017), Galerie Peter Kilchmann, Zurigo (2017), KINDL- Zentrum für zeitgenössische Kunst, Berlino (2017), Camera Austria, Graz (2016), Kunsthalle Bern (2014), New Museum, New York (2011) e Fotomuseum Winterthur (2011). I suoi lavori fanno parte delle seguenti collezioni pubbliche (selezione): Museum of Modern Art, New York, Fotomuseum Winterthur, Migros Museum für Gegenwartskunst, Zurigo, Frans Hals Museum, Haarlem, Tate Modern, Londra e MUSAC, Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León, per nominarne alcune, e in molte collezioni private in tutto al mondo.

    Manon Wertenbroek  
    Nata a Losanna nel 1991, l’artista svizzero-olandese Manon Wertenbroek consegue il suo bachelor d’arte in fotografia nel 2014 all'ECAL (Losanna). Sin dalla sua laurea, Wertenbroek ha esposto i suoi lavori in gallerie in Olanda, Belgio, Italia, Francia, ed anche ad Art Basel, Il Foam Musuem ad Amsterdam e l’Istituto Svizzero a Roma. Il suo lavoro si concentra sul ritratto come simbolo e veicolo, modo per esplorare l’introspezione, l’identità, le interazioni sociali e le emozioni. Spesso costruisce installazioni utilizzando specchi incisi e materiali riflettenti dipinti, che sono uniti insieme a un’illuminazione di colori neon e infine fissati attraverso la fotografia. Il punto di forza di Wertenbroek sta nella sua abilità nel mescolare forme astratte e rappresentazionali attraverso l’utilizzo di tecniche miste per esprimere le sue emozioni e quelle degli altri. Il suo lavoro è stato mostrato in pubblicazioni in tutto il mondo ad esempio nel Guardian, Mousse, British Journal of Photography, Foam Magazine, i-D, LensCulture e molti altri. Nel gennaio del 2017, ha la sua prima personale al Coalmine, Wintherthur. Lo stesso anno è stata premiata con un Swiss Art Award dall’Ufficio federale di cultura. 

    Opening 6 febbraio h 18.30



    Tags

  • Arte Contemporanea

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Mauro Panichella. Fulgur

    Palazzo Ducale a Genova

    Il Mar Ligure è compreso in un quadrilatero di Mar Mediterraneo protetto,…

    in corso

    L’essenziale verità delle cose. Francesco Trombadori

    Galleria d’Arte Moderna a Palermo

    Alla Galleria d’Arte Moderna di Palermo, dal 24 marzo al 2 settembre…

    in corso

    Agostino Iacurci. Gypsoteca

    M77 Gallery a Milano

    M77 Gallery presenta Gypsoteca, una serie di nuovi lavori di Agostino…

    in corso

    Pamela Diamante. Welcome Apocalypse

    Galleria Gilda Lavia a Roma

    Venerdì 1 giungo alle ore 19 la nuova Galleria Gilda Lavia inaugura…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Istituto Svizzero di Roma - Sede di Milano, Milano

    Indirizzo: Via del Vecchio Politecnico, 3, 20121 Milano MI, Italia

  • Prezzo

    GRATUITA

    Telefono: 02 7601 6118

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!