• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    Virgilio Villoresi. Click Clack concluso  

    Virgilio Villoresi. Click Clack

    Dal al a Bologna

    Quando il bambino era bambino, non sapeva di essere un bambino, per lui tutto aveva un’anima e tutte le anime erano un tutt’uno - Peter Handke 

    Venerdì 2 Febbraio 2018 alle 19.30, in occasione di Arte Fiera, Adiacenze inaugura “Click Clack“, la prima personale mai prodotta delle installazioni cinetiche e interattive dell’artista e regista Virgilio Villoresi. A cura di Marco Mancuso, critico, curatore e direttore di Digicult, la mostra visitabile dal 2 febbraio al 15 marzo 2018, intende portare alla luce una parte poco conosciuta della produzione di uno degli artisti più eclettici e originali del panorama italiano e internazionale. 

    Regista e scenografo, artigiano e illusionista, Virgilio Villoresi (Fiesole, 1979) è ormai da anni uno dei talenti riconosciuti nel campo dell’animazione applicata all’arte, alla pubblicità e ai videoclip musicali. Il suo stile autoriale, colto, elegante e ricco di fantasmagorie visive, si colloca in un preciso percorso di evoluzione storico-artistica di linguaggi e ricerche nel campo del cinema sperimentale: dai processi di sintesi alchemica di Harry Smith, all’ontologia strutturale di Jonas Mekas, dall’arte del riciclo di Jack Smith, ai rituali magici di Kenneth Anger.

    “Click Clack” rappresenta un’occasione unica per godere di tutto il talento immaginifico dell’artista toscano, il quale trasferisce in una serie di complessi archetipi installativi le sue conoscenze e abilità nel campo delle tecniche analogiche della tradizione del pre-cinema. Una rumorosa e giocosa giostra fatta di flip book e zootropi, lampade ottiche e lanterne magiche, realizzati con passione e maniacalità modellando oggetti di riciclo e singole componenti stampate in 3D. Allestiti presso gli spazi di Adiacenze come bellissime opere di retro-design, trasformano lo spazio espositivo in un ambiente magico in cui lo spettatore è chiamato a immergersi per comprendere il linguaggio espressivo dell’artista da un lato e scoprire, dall’altro, la componente primaria del meccanismo di percezione delle immagini in movimento. 

    Virgilio Villoresi è artista che vive di forti dualismi. Di contrasti che sublimano in un unico organico, ma di forma complessa. Guai provare a definirlo, a circoscriverlo in una categoria dai contorni troppo rigidi. Lo si potrebbe dipingere come un demiurgo capace di modellare materiali e tecniche, strumenti e meccanismi, che nelle sue mani diventano oggetti tecnologici in cui la componente interattiva, di stampa 3D, di taglio laser, sono meri strumenti piegati alla volontà poetica del suo autore. Si potrebbe pensare a lui come a un giostraio fuori tempo, perso in un’epoca che non esiste più, fatta di giocattoli meccanici che in fondo nessuno comprerebbe mai. Chiusi in un cassetto o nel retro bottega di qualche vecchio negozio impolverato, fino al momento della loro riscoperta e della rinascita nel nostro contemporaneo ad alta risoluzione.

    Virgilio Villoresi avvicina a sé le persone, che intuitivamente comprendono il suo lessico, la sua ricerca. L’emozione e la sorpresa che lo spettatore prova di fronte a una qualsiasi delle fantasmagorie presenti nella mostra “Click Clack”, è in fondo la stessa provata dall’artista nel realizzarla. Nel darle forma e sostanza. La stessa che ha provato quando è venuto per la prima volta in contatto con essa, in un momento dell’infanzia ormai offuscato dalla memoria. Perché sì, Virgilio Villoresi è un artista naif, ha una propensione infantile all’espressione artistica. Poco studiata, di maniera. L’elemento dello stupore è parte integrante del suo lavoro, lo studio dell’emozione di ciò che si svela, quasi per caso. Ma che casuale non è, anzi. Ogni elemento delle sue installazioni, ogni frame delle favolose animazioni che lo hanno fatto conoscere al grande pubblico, è frutto di un articolato meccanismo dinamico. Di un sapiente e controllato corpus tecnologico. Una danza magica, una messa in scena, una precisa rappresentazione teatrale.

    Questo e molto altro rappresentano le singole opere esposte nella mostra “Click Clack”. Da Danse Macabre (2016) all’opera che dà il titolo all’intera mostra Click Clack (2014), da Faire de son mieux (2014) a Figlio e Padre (2014), da Trompe-l'oeil (2016) all’inedita e Virgilio's Zoetrope (2017), realizzata appositamente per gli spazi di Adiacenze. Con un immaginario preso direttamente dai rotocalchi degli anni Cinquanta, esse ci vengono incontro a metà strada tra un mercatino delle pulci e un fablab, tra un chromatrope di Jordan Belson e un set retro-futurista di Star Trek, tra un’animazione di Émile Cohl e un sistema di puntamento laser. Perché quando il bambino era bambino, non sapeva di essere un bambino, ma una volta divenuto adulto, non ha mai dimenticato di esserlo stato….



    Tags

  • Arte Contemporanea
  • Installazioni
  • Personale

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Maria Morganti. Svolgimento di un quadro

    Fondazione Querini Stampalia a Venezia

    Fondazione Querini Stampalia e Bonotto sono liete di presentare Svolgimento…

    in corso

    No War No Peace

    MAG Museo Alto Garda a Riva del Garda

    Se il 1918 è ricordato come l'ultimo anno di guerra, come non interrogarsi…

    in corso

    Krisis. Operazione artistica permanente alla Bsi

    Biblioteca statale Isontina a Gorizia

    Dai sotterranei segreti della Biblioteca statale isontina irrompe nella…

    in corso

    Aldo Tagliaferro. Memoria-Identificazione

    Osart Gallery a Milano

    Osart Gallery è lieta di annunciare la retrospettiva dedicata all'artista Aldo…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Adiacenze, Bologna

    Curatore: Marco Mancuso

    Indirizzo: Vicolo Spirito Santo, 1, 40123 Bologna BO, Italia

  • Prezzo

    GRATUITA

    Telefono: 333 546 3796

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!