• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    CANOVA, HAYEZ, CICOGNARA. L'Ultima gloria di Venezia concluso  

    CANOVA, HAYEZ, CICOGNARA. L'Ultima gloria di Venezia

    Dal al a Venezia

    Con oltre 100 opere, la mostra Canova, Hayez, Cicognara. L’ultima gloria di Venezia celebra il bicentenario della fondazione delle Gallerie dell’Accademia, un momento speciale della storia artistica della Serenissima, che rievoca quella stagione di risveglio culturale della città promosso dai tre intellettuali a partire dal 1815 con il ritorno da Parigi dei quattro cavalli di San Marco, opera simbolo di Venezia.

    Il regista indiscusso di questa felice congiuntura fu il conte Leopoldo Cicognara, intellettuale e presidente dell’Accademia di Belle Arti, che insieme all’amico Antonio Canova, nume tutelare di questo progetto, e a Francesco Hayez, lavorò per dare vita ad un museo di rilievo internazionale, capace di valorizzare lo straordinario patrimonio artistico di Venezia, promuovendo allo stesso tempo l’arte contemporanea.

    I capolavori esposti sono articolati in dieci sezioni tematiche, tra cui spicca la riunione della serie di manufatti inviati nel 1818 alla corte di Vienna per il matrimonio dell’imperatore Francesco I e noti come l’“Omaggio delle Provincie Venete”, che ritornano a Venezia per la prima volta dopo duecento anni. Nel percorso di visita sono esposti anche la Musa Polimnia di Canova, dipinti, gruppi scultorei, due are e altrettanti grandi vasi di marmo, un tavolo realizzato in bronzo e legno con il piano ricoperto da pregiati vetri di Murano e preziose rilegature, rappresentanti della più alta produzione artistica del Neoclassicismo veneto.

    Tra le altre opere di rilevo, si segnalano la sezione dedicata al ritorno dei quattro cavalli di San Marco e del cammeo con il Giove Egioco, oltre alla rievocazione dell’acquisizione dei disegni di Leonardo e Raffaello dalla collezione di Giuseppe Bossi, amico di Canova e Cicognara, che arricchì eccezionalmente il patrimonio dell’Accademia.

    La mostra non occuperà solo lo spazio mostre temporanee ma si estenderà al percorso espositivo permanente con la segnalazione delle opere, requisite in età napoleonica e restituite da Parigi in quegli anni, la ricostruzione del primo allestimento museale del 1817, la lettura delle raccolte da parte degli artisti dell’Ottocento.




    Tags

  • Arte Moderna

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Tintoretto

    Palazzo Ducale a Venezia

    La Fondazione Musei Civici di Venezia e la National Gallery of Art di…

    in corso

    Courbet e la natura

    Palazzo dei Diamanti a Ferrara

    «Il bello è nella natura»Gustave CourbetProvocatore, padre del realismo…

    in corso

    ARMONIE VERDI Paesaggi dalla Scapigliatura al “Novecento”…

    Museo del Paesaggio a Verbania

    Il Museo del Paesaggio di Verbania - dopo la riapertura nel 2016 con la…

    in corso

    Piero Della Francesca. La seduzione della prospettiva

    Museo Civico di Sansepolcro a Sansepolcro

    In concomitanza con la presentazione dei restauri della Resurrezione di…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Gallerie dell’Accademia, Venezia

    Indirizzo: Campo della Carità, Dorsoduro 1050, 30123 Venezia

  • Prezzo

    • Intero: € 15,00
    • Ridotto: € 7,50
      Ragazzi U.E. 18-25 anni con documento d’identità.
    • Aperture serali intero: € 6,00
    • Aperture serali ridotto: € 3,00
    • Gratuito:

      Insegnanti di ruolo quando non accompagnano gruppi di studenti;
      Minori di 18 anni (i minori di 12 anni devono essere accompagnati);
      Studenti e docenti universitari U.E. delle facoltà di architettura, conservazione dei beni culturali, scienze della formazione, iscritti ai corsi di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico, storico-artistico delle facoltà di lettere e filosofia, iscritti alle Accademie delle Belle Arti;
      Operatori di associazione di volontariato che svolgano attività di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali (in base a Convenzioni stipulate con il Ministero – art. 12 , comma 8 del Codice);
      Dipendenti del Ministero Beni e Attività Culturali;
      Membri ICOM (International Council of Museums);
      Diversamente abili U.E. accompagnati da un familiare o da un assistente socio-sanitario;
      Giornalisti con tesserino;
      Guide turistiche U.E. nell’esercizio della propria attività;
      Interpreti turistici con patentino quando affiancano una guida.


    Telefono: 041 522 2247

    Visita il sito web >>

  • Aiutaci a Crescere!