• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    1968/2018 Pausa sismica. Cinquant’anni dal terremoto del Belìce. Vicende e visioni concluso  

    1968/2018 Pausa sismica. Cinquant’anni dal terremoto del Belìce. Vicende e visioni

    Dal al a Palermo

    Gli scatti dei fotoreporter, il primo servizio del radio giornale, i filmati degli archivi Rai. E ancora: il progetto urbanistico per Gibellina Nuova, i bozzetti dei monumenti e le opere degli artisti che, raccogliendo l’appello del sindaco Ludovico Corrao, parteciparono al tentativo di ricostruzione di quel territorio e del suo paesaggio distrutto dal sisma nel segno dell’arte e della land art. 

    In occasione dei 50 anni del terremoto del Belìce - anniversario che domenica 14 gennaio vedrà l’omaggio del Presidente della RepubblicaSergio Mattarella, sui luoghi del terribile cataclisma - la Fondazione Sant’Elia ospita a Palermo la mostra 1968/2018 PAUSA SISMICA. Cinquant’anni dal terremoto del Belìce. Vicende e visioni(28 gennaio - 13 marzo). Inaugurazione il 27 gennaio.

    Il progetto espositivo - curato dalla Fondazione Orestiadi e coprodotto dalla Fondazione Sant’Elia, in collaborazione con il Comune di Gibellina - va avanti per sezioni ed è articolato secondo la pluralità di linguaggio che è propria dell’arte: pittura, scultura, teatro, foto, video, poesia, musica, architettura e installazioni contemporanee. Si parte dalla cronaca: la notte del terremoto, tra il 14 e il 15 gennaio 1968, e gli scatti dei fotografi - Brai, Giaramidaro, Minnella, Scafidi - che l’indomani si precipitarono nella valle tra Palermo e Trapani; i primi video delle Teche RAI, gli scatti di Letizia Battaglianella baraccopoli. Quindi la sezione Arte, con opere, fra i tanti, di Guttuso, Schifano, Rotella, Scialoja; bozzetti di sculture e frammenti di scenografie di Pomodoro, Paladino, Consagra, Isgrò per le Orestiadi; il progetto urbanistico per Gibellina Nuova, il Cretto di Burri, i versi dei poeti, la musica, l’archivio orale e molto altro ancora.




    Tags

  • Fotografia
  • Documentaria

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Archivio Francesco Tabusso

    Archivio Francesco Tabusso a Torino

    È nato a Torino l’Archivio Francesco Tabusso che intende diventare…

    in corso

    Civitalba. Un tempio per la vittoria

    Museo Archeologico Nazionale delle Marche a Ancona

    Il tempio di Civitalba sorgeva su un colle che sovrastava la piana di…

    in corso

    Heavy Metal. Come il rame cambiò il mondo

    Museo Archeologico dell'Alto Adige a Bolzano

    Appuntamento a Bolzano con “Heavy Metal – Come il rame cambiò…

    in corso

    Casanova Museum & Experience

    Casanova Museum & Experience a Venezia

    Il 2 aprile 2018, sarà aperto al pubblico  a Venezia il Casanova…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Fondazione Sant’Elia, Palermo

    Curatore: Fondazione Orestiadi

    Indirizzo: Via Maqueda, 81, 90133 Palermo PA, Italia

    Telefono: 091 662 8289

  • Aiutaci a Crescere!