• Arte contemporanea

    Gratuita

    Personale

    Fotografia

    Arte moderna

    Documentaria

    Scultura

    Collettiva

    Installazioni

    Video

    Disegni

    Pittura

    Architettura

    Didattica

    Design

    Musica

    Bambini

    Performance

    Conferenza

    Archeologia

    Storia

    Natura

    Incontri

    Multimediale

    Laboratori

    Dipinti

    Cinema

    Scienza

    Giappone

    Moda

    Arte medievale

    Donna

    Visite guidate

    Narrativa

    Workshop

    Ceramica

    Oriente

    Arte

    Fumetti

    Teatro

    Pablo Echaurren. Ritmo Barocco in corso  

    Pablo Echaurren. Ritmo Barocco

    Dal al a Genzano di Roma

    Si è aperta domenica 18 giugno la mostra Ritmo barocco, progetto artistico di Pablo Echaurren, genio eclettico di fama mondiale, artista a tutto campo abituato ad esprimersi attraverso pittura, ceramica, illustrazione, fumetto, scrittura, musica e video e quest’anno artista ospite della 239esima edizione della Tradizionale Infiorata, evento-simbolo di Genzano di Roma.
     
    La musica è tra le tante passioni della vita dell’artista. Ai Ramones, gruppo punk degli anni settanta, ha dedicato libri, tele e collage, raccontandoli anche in un documentario del 2010. Amante del rock e del punk, possiede una collezione di bassi, anche rarissimi, tra cui un T. Holmes Bo Diddley, un Longhorn della Danelectro e un EB Gibson del 1954, e da suoi disegni sono stati realizzati alcuni esemplari.
    Nel linguaggio universale della musica Echaurren trova l’humus ideale per coniugare l’alto e il basso, dai dipinti ai poster, dai collage alle copertine di libri e ai fumetti, dalle ceramiche agli arazzi e dal video alla scrittura. Ne discende un’idea dell’artista come artefice a tutto campo, indifferente agli steccati e alle gerarchie che solitamente tendono a comprimere la creatività. In questo caso, il basso è anche quello elettrico, elevato a icona sacra nelle ceramiche in stile barocco con cui si apre la mostra. Il percorso prosegue con una serie di tele, collage, manifesti e Lucifero, uno dei bassi da lui disegnati, dal “cuore” sonoro e come sempre spiazzante.
    Il basso elettrico, lo stile barocco e l'arte della ceramica: tre elementi in apparenza distinti, che si fondono insieme, e sono esposti fino al 31 agosto a Palazzo Sforza-Cesarini al fianco della Collezione Hager-Sportelli, una straordinaria donazione di 114 opere risalenti prevalentemente al ‘600 e ‘700, proprio per celebrare la vocazione dell'edificio a ospitare mostre, concerti, rassegne e prestigiosi corsi di perfezionamento musicale.
    Echaurren si fa testimone di questa tradizione nella chiave neobarocca che ha sempre espresso nelle sue forme, nelle sue ripetizioni decorative. È nella texture che si trova il ritmo barocco: una ripetizione di forme e colori che crea armonia. Il basso elettrico, simbolo di uno stile di vita e di un modo di guardare le cose, è in grado di coniugare la ritmica e l'armonia. E se il rock ha a che fare con il barocco perché infrange limiti, regole e codici, la ceramica è pop, arriva alle persone in forma di oggetto e si presta a infinite varianti e variazioni. Echaurren dipinge da bassista, nel caos della musica del quotidiano ne avverte il ritmo di fondo e lo traduce in pittura, in oggetto artistico, con un linguaggio universale.
    “È un onore per me avere Pablo Echaurren qui a Genzano – ha commentato il sindaco Daniele Lorenzon durante l’inaugurazione della mostra –. Portando le sue opere a Palazzo Sforza-Cesarini andiamo quasi a completare un percorso che dal Seicento arriva fino a oggi aprendoci a un futuro ancora da evolvere e da sviluppare in termini di presenza artistica sul territorio”.
     
    Pablo Echaurren nasce a Roma nel 1951. Inizia a dipingere a diciotto anni e, tramite Gianfranco  Baruchello, viene scoperto dal critico e gallerista Arturo Schwarz che fa conoscere il suo lavoro in Italia e all’estero. Tra il 1971 e il 1975 espone a Berlino, Basilea, Filadelfia, Zurigo, New York, Bruxelles e nel 1975 è invitato alla Biennale diParigi.
    Il suo esordio avviene all’insegna di un minimalismo, di una concettualità e di un’antipittoricità alternativi all’idea di opera d’arte come feticcio. Questa è la direzione in cui l’artista si è mosso da allora, sempre alla ricerca di nuovi linguaggi e nuove forme di espressione, senza mai adagiarsi sul già fatto.
    Non solo pittore, si è impegnato in un’intensa attività applicata, realizzando illustrazioni, manifesti e copertine, tra cui quella del best seller Porci con le ali, nonché “metafumetti” che indagano sul possibile rapporto tra avanguardia e arte popolare, cercando quel necessario e fecondo cortocircuito tra “alto” e “basso”, tra cultura e leggerezza, in sintonia con l’ideale di un’arte diffusa. La sua creatività si è sviluppata anche nel campo della scrittura, pubblicando romanzi e pamphlet sul mondo dell’arte.
    Dopo il Duemila, la sua poliedrica produzione è stata presentata in alcune esposizioni personali: Pablo Echaurren. Dagli anni Settanta a oggi (Chiostro del Bramante, Roma 2004); Pablo Echaurren a  Siena (Palazzo Pubblico, Siena 2008); Crhomo Sapiens (Museo della Fondazione Roma, Palazzo Cipolla, Roma 2010-11); Lasciare il segno (MAR, Ravenna 2011); Al ritmo dei Ramones (Auditorium Parco della Musica, Roma 2006); L’invenzione del basso (Auditorium Parco della Musica, Roma 2009); Baroque’n’Roll (MACRO, Roma 2011); Matta: Roberto Sebastian Matta, Gordon Matta-Clark, Pablo Echaurren (Fondazione Querini Stampalia, Venezia 2013); Iconoclast (Estorick Collection of Modern Italian  Art, Londra2014);Contropittura(GalleriaNazionaled’ArteModernaeContemporanea,2015-16);MakeArtNot Money (Museo Nacional de Bellas Artes, Santiago del Cile2016); Du champ magnétique. Opere 1977-2017 (Scala Contarini del Bovolo, Venezia 2017).




    Tags

  • Arte Contemporanea
  • Personale

  • Recensioni su questo evento

    Potrebbe interessarti anche

    in corso

    Al Tempio che (H)era. Opere di Virginia Franceschi

    Museo Narrante di Hera alla foce del Sele a Capaccio

    Nel giorno di apertura della XVI Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico,…

    in corso

    Archivio Francesco Tabusso

    Archivio Francesco Tabusso a Torino

    È nato a Torino l’Archivio Francesco Tabusso che intende diventare…

    in corso

    Omaggio a Bormio: Gianluigi Giudici

    e altre sedi a Bormio

    Ha sempre amato Bormio, destinazione di vacanza e luogo d’elezione,…

    in corso

    Collezione Paolo VI - arte contemporanea

    Collezione Paolo VI a Brescia

    La “Collezione Paolo VI - arte contemporanea”, già inaugurata in…

  • Dove si svolge?

  • Informazioni utili

    Luogo: Palazzo Sforza-Cesarini, Genzano di Roma

    Indirizzo: Palazzo Sforza-Cesarini, Via Scaloni, 00045 Genzano di Roma RM, Italia

  • Aiutaci a Crescere!